Melos 03

Attenzione il numero 03 della rivista diventa multimediale scopritelo attraverso questo link

Rivista completa numero 03

 

 

Concert Amedeo Minghi – PARIS

VENDREDI 26 JUIN

20h30, Salle des fêtes

Concert Amedeo Minghi

Amedeo Minghi est un chanteur et compositeur italien dont la renommé a débuté dans les années 70. Il est considéré comme à l’origine d’un style nouveau ; des chansons d’amour authentiques qui tranchent avec l’association d’une musique orchestrale et d’un fond électronique. Adoré par son public et reconnu de par le monde pour son talent inné et grâce notamment à son tube « L’immenso », Amedeo Minghi est une figure marquante de la variété italienne et internationale.

Melos – numero 02

Ospite con il brano Gerusalemme

Giovedi 16 Aprile alle ore 11.00 la ONG “Fondazione Internazionale Roul Wallengerg”, donerà una targa commemorativa all’Istituto San Giuseppe di Roma relativa ai fatti che accaddero durante la seconda guerra mondiale. Un’iniziativa il cui obiettivo è conservare la memoria degli atti di bene e speranza .Un ringraziamento all’Istituto per le opere magnanime svolte.

Erano gli anni tra il 1943 e il 1944 quando le suore di San Giuseppe nascosero presso i locali dell’Istituto alcune decine di ebrei, proteggendoli dalle ispezioni di soldati nazisti che alloggiavano a pochi centinaia di metri di distanza presso la Villa Coen.

Una iniziativa il cui obiettivo è conservare la memoria degli atti di bene e speranza. Un ringraziamento all’istituto per le opere magnanime svolte tramite la donazione di una targa per non dimenticare

Episodio raccontato dagli studenti della scuola durante uno spettacolo teatrale dal titolo “Che non abbiano fine mai” organizzato dall’Associazione “MusicaOltreIlSipario” di Genova dedicato alla memoria ebraica e alla Shoah. Una piece teatrale composta di musica e racconti che prende le mosse dalle parole della poetessa Chana Senesh, torturata e uccisa dai nazisti. Un cammino multi-espressivo, accompagnato dal coro Shlomot di Genova e dalla fisarmonica di Nadio Marenco, che vede come protagonista Eyal Lerner un eclettico attore israeliano, che narra la storia del popolo ebraico attraverso momenti musicali e narrazioni di forte impatto, dove la storia e la musicalità ebraiche si fondono fino a suggerire un sentimento di tolleranza universale. Spettacolo che vede la partecipazione straordinaria di Amedeo Minghi che eseguirà il brano “Gerusalemme”. La canzone, di cui sarà possibile vedere il video, è stata commissionata dal Vaticano in occasione del Giubileo 2000, ed è interpretata insieme a Hakeem Abu Jaleela, arabo palestinese e Orit Gabriel, israeliana.

Note di aprile

notediAprile

22 marzo live in piazza

Civitanova Marche, Piazza San Giuseppe n.18-20 – Macerata

Festa del patrono di quartiere San Giuseppe Operaio, organizzata dalla Parrocchia da oltre 40 anni, vanta concerti e ospitate di grande importanza artistica.

Quest’anno è la volta di Amedeo Minghi in concerto dalle 17.30.

Roma-Parigi, Paris-Rome

  • giovedì 12 marzo ore 20.30

“Hommage a la France” Concerto dell’Orchestra Internazionale di Roma della Civica Scuola delle Arti Direttore Antonio Pantaneschi CHARLES GOUNOD (1818-1893) Marche funèbre d’une marionnette NINO ROTA (1911-1979) Suite Sinfonica dalla colonna sonora del film “Il Padrino” GEORGE BIZET (1838-1875) Carmen Suite n.1

Ospite d’Onore Amedeo Minghi

Teatro Centrale Piazza del Gesù (via Celsa, n.6) ROMA

Ingresso libero PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA

TELEFONARE ALLO 06.6780501

 

la lingua dei segni

Convegno con Amedeo Minghi 6 marzo ore 11:00 Scuola “G. Modugno” di Barletta

Gli alunni della classe 4^ C della Scuola Primaria “Giovanni Modugno” di Barletta, con la collaborazione della docente sorda Angela Doronzo, stanno avviando in via sperimentale l’apprendimento di una lingua nuova: la Lingua Italiana dei Segni. Si tratta di una vera e propria Lingua con una precisa sintassi e grammatica e riconosciuta in quasi tutto il mondo.

Gli alunni apprendono questa nuova forma di comunicazione in maniera ludico-musicale. Si divertono a “segnare” brani musicali e vengono catturati dalla magia delle loro mani che si muovono nell’aria come a disegnare nel cielo e delle loro dita che vibrano come ali di farfalla. Provano emozioni intense visibili sui loro volti.

Tra i brani che gli alunni hanno “segnato” c’è quello del cantautore Amedeo Minghi “Un uomo venuto da molto lontano”, un brano eccellente che ripercorre gli  aspetti più significativi della vita di “Giovanni Paolo II”: le sue umili origini, l’attentato subito, i tanti viaggi tra le popolazioni colpite da povertà, guerre e malattie.

Le parole della canzone, nel loro significato autentico, ricordano questo grande uomo e i suoi sentimenti di amore, carità e fratellanza che l’hanno spinto a viaggiare per il mondo e a trasmettere il messaggio di pace fino all’ultimo sospiro. Un uomo che non si è mai arreso ed ha sempre creduto nel bene dell’umanità.

Il lavoro degli alunni è stato realizzato all’interno di un percorso formativo interdisciplinare che coinvolto la musica, l’espressività, le emozioni e ha consentito di trattare la tematica della Pace, attraverso la conoscenza della vita e delle opere del grande pontefice rievocate dall’autore Amedeo Minghi che invita a guardare la vita ed il domani attraverso lo slancio gioioso della speranza.

video 01

video 02

video 03

video 04